9 Marzo 2017
DOMANDE AUTORIZZAZIONE IMPIANTO VIGNETI – SCADENZA 31 MARZO

 DOMANDE AUTORIZZAZIONE IMPIANTO VIGNETI – SINTESI

Normativa di riferimento
-          Circolare Agea 0018162 del 1 Marzo 2017
-          D.M. 12272 del 15 dicembre 2015
-          D.M. 527 del 30 gennaio 2017

Scadenza domande
-          31 marzo 2017
-          Presentazione: a SIAN

Requisiti
-          Presenza, a fascicolo, di una superficie almeno pari a quella per cui si chiede l’autorizzazione
-          Sono esclusi  i vigneti e le tare o altre superfici su cui non è possibile impiantare un vigneto

Elementi da indicare in domanda
-          Deve essere dichiarata la regione in cui si andrà ad impiantare il vigneto
-          Nel caso di più regioni, la domanda è unica

Vincoli e impegni del beneficiario
-          L’autorizzazione non utilizzata entro il periodo di validità (tre anni successivi alla campagna vitivinicola in cui è stata ottenuta) comporta le seguenti penalità:
a)      Superficie impiantata inferiore al 20%: 1500 euro / ha di multa ed esclusione dalle domande OCM vino per tre anni
b)      Superficie impiantata superiore al 20% ed inferiore al 60%: 1000 euro / Ha di multa ed esclusione da domande OCM vino per due anni
c)       Superficie impiantata superiore al 60% ma inferiore a quella concessa: 500 euro di multa ed un anno di esclusione da domande OCM vino
-          Attenzione: nel caso in cui un’azienda rinunci all’autorizzazione concessa, come previsto entro il 10 giugno 2017, sarà comunque sanzionata con una multa di 500 euro e l’esclusione dalle domande OCM vino per due anni.
Questo, però, solo nel caso in cui l’autorizzazione concessa sia superiore al 50% rispetto a quella richiesta
-          Mantenimento per 5 anni del vigneto impiantato
-          Non trasferibilità dell’autorizzazione in altra regione
-          Non trasferibilità ad altra azienda

Altre indicazioni, importanti
-          La regione Lombardia prevede una sola priorità ed è quella per le aziende piccole e cioè comprese tra 2 e 20 Ha di vigneto: 1 punto
-          Le aziende avranno la garanzia di ottenere una superficie minima di 1000 mq, anche se le richieste totali per regione dovessero superare le disponibilità
-          La priorità per le aziende tra 2 e 20 Ha si applica al 50% della superficie regionale “autorizzabile”
-          Il restante 50% sarà ripartita tra le aziende richiedenti in modo proporzionale
-          La regione comunica l’assegnazione alle aziende entro il 1 giugno 2017
-          L’eventuale rinuncia da parte del beneficiario deve essere fatta tassativamente entro il 10 giugno: da considerare, però, le penalità previste

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi